SITO ANARCOLIBERALE A CURA DI DOMENICO LETIZIA. Laboratorio per un Neo-Anarchismo Analitico che sia Liberoscambista, Volontarista, Possibilista e Panarchico con lo sguardo verso i valori del Liberalismo Classico, del Neo-mutualismo e dell'Agorismo. Un laboratorio che sperimenti forme di gestione solidali, di mercato dencentralizzato e di autogestione attraverso l'arma della non-violenza e lo sciopero fiscale, insomma: Disobbedienza Civile

banner campagna un futuro senza atomiche

The Neolibertarian Network Diventa anche tu Ambasciatore Telethon Italian Blogs for Darfur AIT - Associazione italiana transumanisti
AnarchicA
No TAV

lunedì 25 febbraio 2008

Il più aristocratico dei Mestieri: Il Ladro!


Dopo la notizia del grosso colpo avvenuto nella piena serenità alla gioielleria di Milano la boutique Damiani mi viene naturale spendere due parole per il mestiere: ladro. Personalmente ne sono sempre stato affascinato, ovviamente il ladro che immagino io è un ladro gentile cortese e anche libertino insomma un pò anarchico.
Perchè dico che è il più nobile dei mestieri? Perchè è l'unico mestiere dove non si sfrutta e non si viene sfrtuttato! Non ditemi che rubando si crea danno allo stato, lo stato ruba miliardi dalle nostre tasche, lo stato ci avvelena con le sue logiche delle tasse è per sua esistenza un furto.
Al colpo di ieri a Milano ci pensa poi l'assicurazione. Ciò che mi lascia è un senso di bellezza, di artistico. Come potete descrivere diversamente il più nobile individualista di tutti i mestieri, nessun operaio, nessun morto sul lavoro, nessun comando, nessun salario, nessuno sciopero, insomma sfruttamento zero.
Come dimenticare il geniale e acculturato Fantazzini o come dimenticare l'anarchico con la A maiuscola Libertad passato alla storia per aver dato origine al leggendario Lupin.
Si non ho nulla da contestare al ''ladro'' anzi lo ringrazio è capace di farmi sognare e di farmi pensare. E' antistatale è individualista insomma è l'esempio per eccellenza è la piena presa della vita è la supremazia dell'individuo sulle regole sociali.
Senza commettere nessun crimine perchè alla fine: chi è piu criminale? lo stato e le banche che affamano o chi le ruba? ricordiamo: '' Lo stato si fonda sulla schiavitù del lavoro. Se il lavoro diventerà libero, lo stato sarà perduto." (Max Stirner)

1 commento:

Antonio Buono ha detto...

Anche a me affascinano i ladri alla Ocean's eleven oppure quelli che riuscirono a rubare una "gru" in pieno centro a Trieste...ma solo da un punto di vista "letterario". Quando poi si torna alla realtà, si vede che i ladri sono le braccia di organizzazioni criminali, che non rubano allo Stato ma vanno anche a casa di famigliole e persone anziane pretendendo più del dovuto,picchiando,facendo uso della forza,ecc...e in più, al contrario dei cartoni e dei film, il morto sul lavoro ci scappa molto di frequente...

"Il mio identikit politico è quello di un libertario, tollerante. Se poi anarchico l'hanno fatto diventare un termine orrendo... In realta' vuol dire solo che uno pensa di essere abbastanza civile da riuscire a governarsi per conto proprio, attribuendo agli altri, con fiducia, le stesse capacità" ( Fabrizio De André )