SITO ANARCOLIBERALE A CURA DI DOMENICO LETIZIA. Laboratorio per un Neo-Anarchismo Analitico che sia Liberoscambista, Volontarista, Possibilista e Panarchico con lo sguardo verso i valori del Liberalismo Classico, del Neo-mutualismo e dell'Agorismo. Un laboratorio che sperimenti forme di gestione solidali, di mercato dencentralizzato e di autogestione attraverso l'arma della non-violenza e lo sciopero fiscale, insomma: Disobbedienza Civile

banner campagna un futuro senza atomiche

The Neolibertarian Network Diventa anche tu Ambasciatore Telethon Italian Blogs for Darfur AIT - Associazione italiana transumanisti
AnarchicA
No TAV

martedì 12 febbraio 2008

Comitato studenti per L'astensionismo

Facciamo partire da Maddaloni l'astensionismo.

Dopo l'ultima manifestazione contro il problema rifiuti, il Movimento Fiamma Libertaria ritorna a parlare con gli studenti. Confermata l'ennesima sfiducia nelle istituzioni, che nel campano si trasformano in indifferenza e clientelismo, nasce a Maddaloni con il sostegno del M.F.L. (movimento fiamma libertaria) il Comitato Studenti per l'Astensionismo che lancia il suo appello al non voto dichiarando che i giovani di Maddaloni non voteranno e faranno campagna per il non voto. L'iniziata subito diffusasi trova l'appoggio di alcuni studenti di San Nicola la Strada e di alcuni collettivi che hanno già iniziato dei volantinaggi a Formia. L'ex Rappresentante alla Consulta Studentesca Domenico Letizia del M.F.L dichiara che dopo aver visto le immagini in parlamento con ''onorevoli'' che sputano e brindano votare ,specialmente, questa classe politica è uno scempio. I giovani vogliono cambiamenti radicali specialmente nella terra dimenticata : la Campania e la solidarietà non può che andare al popolo di Acerra, Marigliano e Pianura, cittadini qualunque dati per sovversivi aggiungendo che quello che è successo a Via Feudo pochi giorni fa (con il blocco della strada con i rifiuti) è colpa soltanto della classe politica che governa. Dagli studenti emerge soprattutto la contrarietà alla costruzioni di inceneritori o simili. Immediata la solidarietà politica al Comitato Astensionistico di G. Stassi della F.A.I (federazione anarchica italiana). ''Ci auguriamo che la non partecipazione al non voto raggiunga ottime cifre astensionistiche almeno nel Campano e nel Casertano dove tra Uttaro e Macrico c'è molto ma molto da riparare'' conclude Letizia.

2 commenti:

Antonio Buono ha detto...

Devo dire che sono molto indeciso...anche io ha pensato di non andare a votare, ma credo che chi verrà eletto non si interesserà tanto del numero di elettori che l'hanno votato...Ci sarebbe solo da sperare che un governo eletto da una percentuale bassa di persone si senta delegittimato...ma con la nostra classe politica avverrà questo? Cosa succederà dopo il voto o il non-voto? Se qualcuno mi dicesse che non andando al voto le cose cambierebbero, io ne farei sicuramente a meno...

►novat◄ ha detto...

Ciao dando un'occhiata al blog mi piace.. anche se la pensiamo diversamente sulla tav.
Io in genere sono a favore alle grandi opere (fatte con criterio). Forse perchè, come dice la mia ragazza, sono troppo ingenuo e penso sempre che, chi intende costrirle, lo faccia con morale ed etica.. purtroppo non sempre è così (ed io ci rimango male)


comunque apparte la diversità di pensiero, ti linko, perchè come dissi tempo fa proprio ad antonio.. lo scambio di vedute diverse mi piace (magari cambierò idea :P)

"Il mio identikit politico è quello di un libertario, tollerante. Se poi anarchico l'hanno fatto diventare un termine orrendo... In realta' vuol dire solo che uno pensa di essere abbastanza civile da riuscire a governarsi per conto proprio, attribuendo agli altri, con fiducia, le stesse capacità" ( Fabrizio De André )