SITO ANARCOLIBERALE A CURA DI DOMENICO LETIZIA. Laboratorio per un Neo-Anarchismo Analitico che sia Liberoscambista, Volontarista, Possibilista e Panarchico con lo sguardo verso i valori del Liberalismo Classico, del Neo-mutualismo e dell'Agorismo. Un laboratorio che sperimenti forme di gestione solidali, di mercato dencentralizzato e di autogestione attraverso l'arma della non-violenza e lo sciopero fiscale, insomma: Disobbedienza Civile

banner campagna un futuro senza atomiche

The Neolibertarian Network Diventa anche tu Ambasciatore Telethon Italian Blogs for Darfur AIT - Associazione italiana transumanisti
AnarchicA
No TAV

lunedì 31 dicembre 2007

Blitz al consiglio comunale di AGLIANA


(ANCHE SE IN RITARDO PUBBLICHIAMO)

Thursday 20 December 2007
Sorprese di Natalizie, ieri sera 19 Dicembre alcuni militanti del presidio permanente “Giulio Maccacaro” contro la riapertura e l’ampliamento dell’inceneritore di Montale, hanno deciso di presenziare silenziosamente al consiglio comunale di Agliana (uno dei tre comuni proprietari del C.I.S, il consorzio che gestisce il termodistruttore di Montale),
indossando però delle magliette, che comparse da sotto le giacche al momento giusto, hanno composto la scritta “no inceneritori”; a questo punto il sindaco, l’egregio Magnanensi, ha intimato ai goliardici convenuti di abbandonare l’aula adducendo a motivazione come con la loro “iniziativa” stessero disturbando il normale svolgimento del consiglio. Alcuni presidianti hanno fatto notare al sindaco come la loro presenza, essendo composta e silenziosa, non stesse in alcun modo disturbando la seduta…al ché il solerte e ligio amministratore, citando un articolo del regolamento consiliare, che a suo dire avrebbe dimostrato la “flagranza di reato” dei terribili sovversivi magliettamuniti, dopo averci accusato di non avere rispetto per le istituzioni, dopo averci intimato per l’ennesima volta di abbandonare l’aula, e dopo aver ricevuto il nostro ennesimo rifiuto, ha deciso con estrema politica lungimiranza di sospendere la seduta e di richiedere l’intervento della forza pubblica; dopo il rituale ratto dei documenti da parte dei Carabinieri, e dopo un’altra decina di minuti di presenza in aula abbiamo deciso di abbandonare il consiglio salutando “educatamente” l’assise rimarcando come si stesse impedendo a dei cittadini di assistere ad un consiglio comunale aperto e di come si stesse trasformando la salute in un problema di ordine pubblico…La lotta non si ferma, la lotta non si delega. A chi ci avvelena, a chi gestisce in maniera autoritaria la cosa pubblica, a chi crede di metterci a tacere a suon di Carabinieri e denunce diciamo…che sarà dura! Contro lo scempio inceneritorista, contro l’arroganza di un potere cieco, insensibile e disinteressato ai veri bisogni degli individui, Contro ogni nocività!!!

2 commenti:

misterioso ha detto...

ciao gran pezzo di merda!!! che schifo però vedere gente che inneggia all'anarchia, al disordine e alla violenza!

antifascismo anarchico ha detto...

lascio il tuo messaggio perchè sono per la libertà.
mi rendo conto anche dall'arroganza delle tue parole che dell'anarchia conosci solo quello che ti vogliono far conoscere le tv di regime.
cmq modera il linguaggio per semplice educazione
ciao msi

"Il mio identikit politico è quello di un libertario, tollerante. Se poi anarchico l'hanno fatto diventare un termine orrendo... In realta' vuol dire solo che uno pensa di essere abbastanza civile da riuscire a governarsi per conto proprio, attribuendo agli altri, con fiducia, le stesse capacità" ( Fabrizio De André )