SITO ANARCOLIBERALE A CURA DI DOMENICO LETIZIA. Laboratorio per un Neo-Anarchismo Analitico che sia Liberoscambista, Volontarista, Possibilista e Panarchico con lo sguardo verso i valori del Liberalismo Classico, del Neo-mutualismo e dell'Agorismo. Un laboratorio che sperimenti forme di gestione solidali, di mercato dencentralizzato e di autogestione attraverso l'arma della non-violenza e lo sciopero fiscale, insomma: Disobbedienza Civile

banner campagna un futuro senza atomiche

The Neolibertarian Network Diventa anche tu Ambasciatore Telethon Italian Blogs for Darfur AIT - Associazione italiana transumanisti
AnarchicA
No TAV

giovedì 3 luglio 2008

UE a casa


Nonostante Gordon Brown se ne freghi del no irlandese e dei sudditi di Sua Maestà, nonostante Frattini e Berlusconi facciano finta di nulla, il presidente polacco Lech Kaczynski conferma che non ratificherà il Trattato di Lisbona, la «Costituzione leggera» dell’Ue («La questione del Trattato è senza scopo dopo la bocciatura irlandese »). Anche se il Parlamento polacco ha già dato il suo via libera, questo è un ostacolo in più sulla strada di Sarkozy perché gli irlandesi hanno detto no con il loro referendum, i Cechi si apprestano forse a fare lo stesso, altri ancora non si sa. Intanto fiammeggiano i prezzi dei carburanti e dei prodotti alimentari, milioni di immigrati dal Sud del mondo attendono di conoscere la loro sorte, giganti cinesi ed arabi premono alle porte della finanza europea, alcune grandi banche sono in affanno. Chissà che il parere dei cittadini venga rispettato. Chissà che la si finisca di magnificare un Unione che sa solo di superstato.

2 commenti:

TIZIANO TESCARO communicator,Vicenza ha detto...

Ciao Domenico volevo chiederti se posso promozionare anch'io nel blog la petizione contro la schedatura bimbi Rom?

Grazie e buona giornata

Domenico Letizia ha detto...

si certo,anzi certamente!
saluti.

"Il mio identikit politico è quello di un libertario, tollerante. Se poi anarchico l'hanno fatto diventare un termine orrendo... In realta' vuol dire solo che uno pensa di essere abbastanza civile da riuscire a governarsi per conto proprio, attribuendo agli altri, con fiducia, le stesse capacità" ( Fabrizio De André )