SITO ANARCOLIBERALE A CURA DI DOMENICO LETIZIA. Laboratorio per un Neo-Anarchismo Analitico che sia Liberoscambista, Volontarista, Possibilista e Panarchico con lo sguardo verso i valori del Liberalismo Classico, del Neo-mutualismo e dell'Agorismo. Un laboratorio che sperimenti forme di gestione solidali, di mercato dencentralizzato e di autogestione attraverso l'arma della non-violenza e lo sciopero fiscale, insomma: Disobbedienza Civile

banner campagna un futuro senza atomiche

The Neolibertarian Network Diventa anche tu Ambasciatore Telethon Italian Blogs for Darfur AIT - Associazione italiana transumanisti
AnarchicA
No TAV

giovedì 3 luglio 2008

Nasce la destra libertaria.....Che schifo!


Di pochi giorni fà è la notizia che all'interno del Pdl è nata una corrente politica detta Destra Libertaria. La curiosità mi ha spinto subito a vedere di che si trattasse e dopo pochi sguardi al loro sito internet immediata è stata la mia reazione: Che schifo! Non so in questo progetto politico cosa ci sia di libertario quello che so è che si tratta di un neo-movimento un pochino ( un bel pò) neo-fascita. Leggendo nel loro sito noto anche questa citazione che già da se fa riflettere e dice tutto: ''Essere di Destra significa, in primo luogo, riconoscere il carattere sovvertitore dei movimenti scaturiti dalla rivoluzione francese, siano essi il liberalismo o il socialismo '' e a dimostrazione di quanto siano libertari dichiarono: ''Essere di Destra significa concepire lo Stato come una totalità organica dove i valori politici predominano sulle strutture economiche''. A confermare che è un progetto politico demenziale basti pensare che tra i fondatori c'è la Mussolini ( colei che ha dichiarato meglio essere fascisti che froci), resomi conto che è una sorta di rinascita di un movimento conservatore demenzialmente post-fascista, la mia curiosità sta nell'osservare come vari movimenti politici competano, oggi, nell'attribuirsi il termine libertario. Capito che questo movimento è una farsa come del resto tutto il Pdl, mi domando, quando nascerà un movimento della ''Sinistra'' Libertaria che si occupi libertariamente di tematiche economiche (come fa abbastanza bene il MIL con il libertario Leonardo Facco) e contemporanemante di diritti civili, di libertà sessuali (come fa benissimo Fabrizio Caruso e i liberari, me compreso, di Sexpol), di antiproibiziosmo, di antimilitarismo, di ecologismo, di antitotalitarismo (compreso il totalitarismo statale), e di ricerca scientifica come bene fa l'universo dei Radicali e settori del Movimento Anarchico e Antifascista? Molti di voi mi diranno che sinistra e libertaria sono termini all'opposto vista la prevalente cultura statalista e assistenzialista della nostra sinistra e non solo, ma il termine sinistra in questo caso dovrebbe indicare progressismo e progressista inteso come movimento situazionista e con lo sguardo al futuro, insomma a voi amici liberari: A quando la creazione di questa ''Sinistra'' Libertaria?

A segiuto del mio articolo (sopra) oggi sabato 5 luglio mi è giunta una risposta da un membro di destra libertaria e da libertario sono lieto di pubblicarla anche se rimango amareggiato dal termine ''libertario'' usato in questo progetto politico.
Dimenticavo, la cosa più importante, sono contento che anche settori della destra ''pura'' prendano distanza da ciò che è stata una delle dittature più feroci del secolo scorso, quella del fascismo che insieme al comunismo al nazismo e al franchismo (e anche altro) hanno rappresentato la morte di milioni di persone e la fine delle democrazie.

La risposta:
Carissimo Domenico Letizia
un grazie per darmi la possibilita' e l'opportunita' di darle alcune nozioni che forse le sono sfuggite.
il movimento Destra Libertaria e' nato in giugno a Milano ed il segretario nazionale e' Luciano Buonocore. Io sono tra i fondatori e dirigenti e ho letto nel suo articolo delle inesattezze.

Capisco che lei abbia una visione totalmente diversa della politica dalla mia ed e' una cosa anche normale ma le cose che lei scrive non sono esatte.
L'onorevole Alessandra Mussolini non fa parte ne di destra Libertaria ne ne e' fondatrice ha solo partecipato alla conferenza stampa di mercoledi 3 luglio presso la camera dei deputati ed e' stata solo una relatrice del governo come l'onorevole portavoce di forza italia capogruppo delegazione al parlamento europeo visto che il nostro movimento probabilmente entrera' a far parte del pdl nei prossimi mesi
non siamo assolutamente neo fascisti ma siamo sicuramente di destra e nei nostri fondatore abbiamo anche un rumeno regolare che lavora e crede nelle nostre idee tanto per farle un esempio abbiamo ufficialmente rinnegato qualsiasi totaliratismo e qualsiasi cosa nera.
detto questo se vuole informazioni piu' dettagliate le lascio il mio numero e saro' molto felice di dargliele.
FABRIZIO FROSIO
DESTRA LIBERTARIA

3 commenti:

TIZIANO TESCARO communicator,Vicenza ha detto...

Ciao Domenico nasce la destra libertaria? non ne ero al corrente, e c'è pure Alessandra come promotrice? Be tienimi aggiornato sugli sviluppi. Buona serata.

Domenico Letizia ha detto...

beh...spero che muoia presto questo movimento!
ciao sera anche A TE.

Anonimo ha detto...

Libertario è un termine che, ho notato, può dare adito a molti più equivoci di quanto credessi. Come anarco-trotskijista io intendo la sinistra della sinistra.

Questo movimento demenziale, di cui ho visto il sito, altro non fa che prendere in prestito l'unico termine con suffisso "liber-" rimasto vacante nel PDL e dintorni. L'aquila bicipite nello stemma è LO STEMMA DELLA RUSSIA preso pari pari (vedete su fotw.org o su wikipedia), il che fa ben comprendere le posizioni di questi GRANDISSIMI FIGLI DI.... PUTIN. Putin che sta procedendo ad un genocidio in Cecenia (siamo oltre i 500.000 morti), Putin che ha riaperto i G.U.Lag. (ma come, non era uno dei cavalli di battaglia per sparalre dei "comunisti" ?), P.U.Tin che è il modello politico del berlusconismo. E del resto, il ben più "placido" (per modo di dire) "compagno" (per modo di dire) Lukashenko, in Bielorussia, ha avuto il placet di Silvio.

Chi ha ancora 2 neuroni nel cervello capisce così che il modello berlusconiano è proprio lo STALINISMO e la BUROCRAZIA STILE DDR. Per paradosso dunque quelli che dovrebbero piangere il MURO DI BERLINO sono lor signori, non certo IO.

"Il mio identikit politico è quello di un libertario, tollerante. Se poi anarchico l'hanno fatto diventare un termine orrendo... In realta' vuol dire solo che uno pensa di essere abbastanza civile da riuscire a governarsi per conto proprio, attribuendo agli altri, con fiducia, le stesse capacità" ( Fabrizio De André )