SITO ANARCOLIBERALE A CURA DI DOMENICO LETIZIA. Laboratorio per un Neo-Anarchismo Analitico che sia Liberoscambista, Volontarista, Possibilista e Panarchico con lo sguardo verso i valori del Liberalismo Classico, del Neo-mutualismo e dell'Agorismo. Un laboratorio che sperimenti forme di gestione solidali, di mercato dencentralizzato e di autogestione attraverso l'arma della non-violenza e lo sciopero fiscale, insomma: Disobbedienza Civile

banner campagna un futuro senza atomiche

The Neolibertarian Network Diventa anche tu Ambasciatore Telethon Italian Blogs for Darfur AIT - Associazione italiana transumanisti
AnarchicA
No TAV

venerdì 30 gennaio 2009

Riflettendo sull'oro


Una critica che normalmente è fatta all'agganciamento all' oro è che oltre all'essere scarso, è molto facile da monopolizzare.
I sostenitori di questo modello sostengono che il fatto che sia scarso è un vantaggio, dato che così nessuno può inondare il mercato e destabilizzare l'economia; ma il contro argomento dei suoi ''condannatori'' mira a ricordare che rapidamente questo sistema monetario si convertirebbe nella tirannia della plutocrazia che controllerebbe facilmente l'offerta di denaro.
In primo luogo, una minoranza chiunque non può accaparrare tutto l'oro a meno che lo scambi con altre merci, e può solo acquisire quelle ''altre'' merci col lavoro. In definitiva, in un libero mercato è inverosimile che qualcuno possa comprare con il suo proprio lavoro tutto l'oro del mondo. Perfino attualmente è difficile farlo perché è distribuito in mani di molti proprietari che esigerebbero una bella cifra di denaro per lo scambio proprio per dissuadere qualunque "accaparratore". L'oro non è fine in sé stesso, bensì un mezzo di scambio, per questo non ha senso scambiare una quantità immensa di merci in cambio del mezzo che serve per ottenerli.

Inoltre, nel caso dei mutualisti ed altri liberoscambisti, l'oro è solo uno dei sistemi possibili. Se fosse monopolizzato, continuerebbero ad esistere altri mezzi di scambio come l'argento, il rame o la carta-moneta agganciata alla terra, come proponeva William Greene in Mutuo Banking. Questo, ovviamente, sottrarrebbe all'efficacia del monopolio e scoraggerebbe gli "accaparratori" di oro.

In definitiva, un motivo meno per impiantare una banca centrale statale.

Appunti: http://www.mutualismo.org/

2 commenti:

Buccia ha detto...

domenico, questa considerazione sull'oro è tanto intelligente quanto scontata, nell'antica roma si poteva tesaurizzare le monete d'oro solamente perchè era quasi impossibile il commercio in maniera differente. l'ultima considerazione sui commerci paralleli è la ragione migliore per spiegare che anche una forma che potrebbe sembrare barattiera sia invece moltop più intelligente della truffa attuale delle banche centrali. non capisco bene cosa centri col mutualismo? cioè non ho ancora ben chiaro cos'è il mutualismo?

Domenico Letizia ha detto...

il mutualismo c'entra perchè per quanto riguarda l'articolo è una riflessione proprio del più famoso blog mutualista spagnolo, sotto l'articolo c'è il link.

poi i mutualisti come tutti i liberoscambisti sono favorevoli ad un alternativo aggangiamento della moneta. anche con la terra.
altre info sul mutualismo caro buccia le trovi srempre sul blog cliccando la voce mutualismo.
un salutone.

"Il mio identikit politico è quello di un libertario, tollerante. Se poi anarchico l'hanno fatto diventare un termine orrendo... In realta' vuol dire solo che uno pensa di essere abbastanza civile da riuscire a governarsi per conto proprio, attribuendo agli altri, con fiducia, le stesse capacità" ( Fabrizio De André )