SITO ANARCOLIBERALE A CURA DI DOMENICO LETIZIA. Laboratorio per un Neo-Anarchismo Analitico che sia Liberoscambista, Volontarista, Possibilista e Panarchico con lo sguardo verso i valori del Liberalismo Classico, del Neo-mutualismo e dell'Agorismo. Un laboratorio che sperimenti forme di gestione solidali, di mercato dencentralizzato e di autogestione attraverso l'arma della non-violenza e lo sciopero fiscale, insomma: Disobbedienza Civile

banner campagna un futuro senza atomiche

The Neolibertarian Network Diventa anche tu Ambasciatore Telethon Italian Blogs for Darfur AIT - Associazione italiana transumanisti
AnarchicA
No TAV

domenica 25 gennaio 2009

L'alternativa alla crisi? Libertà è possibilismo

Alternativa alla crisi? Mercato, libertà, concorrenza.....
Un mio articolo sul Sito del Movimento Arancione, Buona lettura:

http://movimentoarancione.blogspot.com/2009/01/lalternativa-alla-crisi-liberta-e.html


2 commenti:

Antonio ha detto...

Ciao Domenico. Ti ho risposto di là a proposito delle inevitabili differenze tra anarchismo e "anarco-capitalismo", tanto penso sia lo stesso, visto che hai messo il collegamento anche qui sul tuo sito.

Ripeto ciò che credo: che l'analisi della società e dei rapporti contratti dagli uomini fornita dall'anarchismo sia molto più profonda di questo "libertarismo di destra".

Poiché la società in un certo modo non esiste, quelli che vanno mutati sono o dovrebbe essere i rapporti che gli uomini contraggono tra loro, dunque la semplice abolizione dello stato (che ripeto non può dirsi "anarchismo" se non aggiungi MOLTO altro) è solo un subdolo modo in cui il potere autoritario tende a mutare e presentarsi in una maniera più fascinosa ed attraente.

Ciao.
Antonio

Antonio ha detto...

Ho scritto qualcos'altro sul mio blog, qualche domanda che reputo interessante per capire l'anarchia e le teorie che vorrebbero "inscatolare" l'uomo.

In caso fossi interessato: qui

Ciao

"Il mio identikit politico è quello di un libertario, tollerante. Se poi anarchico l'hanno fatto diventare un termine orrendo... In realta' vuol dire solo che uno pensa di essere abbastanza civile da riuscire a governarsi per conto proprio, attribuendo agli altri, con fiducia, le stesse capacità" ( Fabrizio De André )