SITO ANARCOLIBERALE A CURA DI DOMENICO LETIZIA. Laboratorio per un Neo-Anarchismo Analitico che sia Liberoscambista, Volontarista, Possibilista e Panarchico con lo sguardo verso i valori del Liberalismo Classico, del Neo-mutualismo e dell'Agorismo. Un laboratorio che sperimenti forme di gestione solidali, di mercato dencentralizzato e di autogestione attraverso l'arma della non-violenza e lo sciopero fiscale, insomma: Disobbedienza Civile

banner campagna un futuro senza atomiche

The Neolibertarian Network Diventa anche tu Ambasciatore Telethon Italian Blogs for Darfur AIT - Associazione italiana transumanisti
AnarchicA
No TAV

mercoledì 28 maggio 2008

Paulville, e il sogno libertario diventa realtà


Chi odia lo Stato, vive a Paulville
Perse le primarie repubblicane, i sostenitori del candidato più individualista d’America si danno all’edilizia

La campagna presidenziale del candidato libertario, Ron Paul, è finita da un pezzo, ma la rivoluzione di Ron Paul ha trovato un nuovo posto dove piantare le sue radici: a Paulville, una città in fase di costruzione fatta da e per i sostenitori del rappresentante congressuale texano. Si può dire quel che si vuole dei sostenitori di Ron Paul, ma una cosa è sicura: sono ferocemente fedeli e disposti ad andare fino in fondo. Stanno costruendo la nuova città in un’area remota del Texas che si chiama Badlands, nel nord di Hudspeth County. La città è stata ideata da e per un gran mercato di sostenitori di Ron Paul o per gente che vive secondo principi libertari. Si stima che i seguaci di Ron Paul siano centinaia di migliaia.
Il Partito Libertario del Texas crede che Paulville abbia il potenziale di essere un esempio pratico e vivente di cosa significa vivere da libertario. Per adesso non c’è granché ma i suoi sostenitori stanno già sottoscrivendo iscrizioni per i nuovi proprietari che vogliono vivere insieme secondo i principi di individualismo e libertà. I pianificatori hanno già alzato i cartelli per l’entrata in città e stanno costruendo le fogne e i sistemi elettrici con una clausola opt-out per chi non desidera sottoscrivere questi servizi. Una comunità pianificata dietro una cancellata che sia però libera da regolazioni è difficile da immaginare. Sembra piuttosto un controsenso. Eppure dopo il Texas, si prevede di costruire simili città nel New Hampshire, nel South Dakota, nel Wyoming e nell’Alaska.

I sostenitori credono che persone che condividono lo stesso credo possono formare una comunità separata ma prosperosa. In fondo non c’è niente di nuovo nelle comunità basate su un credo o un’ideologia. Le prime colonie negli Stati Uniti erano fondate da persone che volevano vivere assieme ai loro simili: i Puritani nel Massachusetts, gli Hamish nella Pennsylvania e tanti altri. O anche in altri paesi come l’esperimento socialista New Australia fondata nel 1893 in Paraguay o la Fondazione Findhorn stabilita nel 1972 nella Scozia. Ma ci sono stati anche altri tentativi simili a quello dei sostenitori di Ron Paul come la “Free State Project” nel New Hampshire, ancora in fase nascente. Celebration, è una città concepita da Disney World in Orlando, Florida e Ave Maria, una comunità cattolica, fondata dal miliardario americano, Tom Monaghan, fondatore della catena di pizzerie a consegna domiciliare “Domino’s Pizza” e creata intorno alla sua Ave Maria università vicino a Naples, Florida, è stata inaugurata l’anno scorso.

2 commenti:

Riccardo ha detto...

Carissimo,

parafrasando una grande e ormai celebre canzone (sic!) della tradizione italiana... commento con un bel

"voglio andare a vivere a Paulville, oh, oh, oh, oh"

Saluti libertari

Domenico Letizia ha detto...

a chi lo dici!!!

olè

"Il mio identikit politico è quello di un libertario, tollerante. Se poi anarchico l'hanno fatto diventare un termine orrendo... In realta' vuol dire solo che uno pensa di essere abbastanza civile da riuscire a governarsi per conto proprio, attribuendo agli altri, con fiducia, le stesse capacità" ( Fabrizio De André )