SITO ANARCOLIBERALE A CURA DI DOMENICO LETIZIA. Laboratorio per un Neo-Anarchismo Analitico che sia Liberoscambista, Volontarista, Possibilista e Panarchico con lo sguardo verso i valori del Liberalismo Classico, del Neo-mutualismo e dell'Agorismo. Un laboratorio che sperimenti forme di gestione solidali, di mercato dencentralizzato e di autogestione attraverso l'arma della non-violenza e lo sciopero fiscale, insomma: Disobbedienza Civile

banner campagna un futuro senza atomiche

The Neolibertarian Network Diventa anche tu Ambasciatore Telethon Italian Blogs for Darfur AIT - Associazione italiana transumanisti
AnarchicA
No TAV

martedì 29 aprile 2008

Biocarburanti, ennesima follia targata UE



(Articolo interessante da Libertari.org)

Investire in biocarburanti significherà costi più elevati alla pompa per rifornire le nostre auto, non attutirà la nostra dipendenza dall'estero per quanto concerne le materie prime (visto che quel che serve per "confezionare" i biocarburanti viene in gran parte importato) e non ridurrà l'inquinamento, anzi, sul versante ambientale si potrebbe registrare addirittura un saldo negativo.E' questo il risultato di uno studio condotto dall'autorevole rivista "Science", le cui evidenze sono supportate anche da quanto sostenuto in questi giorni da parte dell'Agenzia Europea per l'Ambiente e dalla Coldiretti, che sembra essersi improvvisamente ravveduta circa le folli politiche pseudo-ambientaliste portate innanzi da "Neurolandia". La produzione dei biocarburanti continua tuttavia ad essere incentivata tramite agevolazioni alla costruzione dei relativi impianti, ed il portavoce dell'esecutivo Ue, Ferrand Tarradellas, ha comunque confermato che l'obiettivo, per i burocrati di Bruxelles, resta immutato: portare l'utilizzo di biofuel al 10% nei trasporti entro il 2020. Per farlo, L'Europa dovrebbe destinare allo scopo quasi un quarto dei suoi terreni: una vera e propria follia. Come accaduto anche col famigerato Protocollo di Kyoto, insomma, i "socialisti in salsa verde" produrranno un danno secco all'economia dei paesi membri, senza ottenere in cambio il benché minimo beneficio: l'ambientalismo alla Al Gore continua a mietere vittime.

4 commenti:

Davide ha detto...

DEMAGOGIA PURA!!! quando proprio si deve dire che discutono e prendono spesso provvedimenti insensati!!! qui in Italia oramai ci siamo abituati alle leggi scellerate dei governi... ma se ora incominciamo anche sul piano internazionale beh mi trasferisco nn so dove!!! ahahah

Domenico Letizia ha detto...

il problema è che anche questa storia dei biocarburanti è stata fatta solo per arricchire sempre le sette sorelle e gli stati che li sostengono..

buccia ha detto...

ciò che è scritto nel post era stato detto da fidel castro un paio di anni fa ed era stato additato come un nemico del progresso ora finalmente anche gli scienziati l'hanno capito: il biocarburante affama il mondo ed è una bufala non ambientalista. le uniche due vie per una mobilità sostenibile sono:1 andare a piedi 2 la mobilità ad idrogeno!!!

Domenico Letizia ha detto...

si ricordo benissimo quando fidel fece quel discorso e allora già allora lo avevamo capiti in molti che stava dicendo la verità anche perchè in brasile stava accadendo che gli indigeni venivano espropriati perchè la loro terra doveva andare alle piantaggioni di granoturco...... ora è importante dedicarsi al solare combattere le sette sorelle e romper.. agli stati nazionali perchè fratelli delle sorelle signor petrolio.

"Il mio identikit politico è quello di un libertario, tollerante. Se poi anarchico l'hanno fatto diventare un termine orrendo... In realta' vuol dire solo che uno pensa di essere abbastanza civile da riuscire a governarsi per conto proprio, attribuendo agli altri, con fiducia, le stesse capacità" ( Fabrizio De André )