SITO ANARCOLIBERALE A CURA DI DOMENICO LETIZIA. Laboratorio per un Neo-Anarchismo Analitico che sia Liberoscambista, Volontarista, Possibilista e Panarchico con lo sguardo verso i valori del Liberalismo Classico, del Neo-mutualismo e dell'Agorismo. Un laboratorio che sperimenti forme di gestione solidali, di mercato dencentralizzato e di autogestione attraverso l'arma della non-violenza e lo sciopero fiscale, insomma: Disobbedienza Civile

banner campagna un futuro senza atomiche

The Neolibertarian Network Diventa anche tu Ambasciatore Telethon Italian Blogs for Darfur AIT - Associazione italiana transumanisti
AnarchicA
No TAV

giovedì 11 settembre 2008

11 Settembre: Bugia di Stato


Oggi ricorre il settimo anniversario di quel tragico 11 settembre 2001 che fece piombare gli Usa e il mondo intero in un incubo che pare ancora non essere finito.
Nessuno ha in tasca la Verità su quella giornata, ma dubitare della versione ufficiale di Stato è quantomeno doveroso, per chiunque si senta uno "spirito libero": lo Stato, quell'organizzazione che quotidianamente ci sorveglia, ciito ispeziona, ci spia, ci dirige, ci numera, ci regola, ci arruola, ci indottrina, ci esorta, ci controlla, ci esamina, ci giudica, ci valuta, ci censura, e ad ogni operazione o transazione ci annota, ci registra, ci conta, ci tassa, ci misura, ci autorizza, rendendoci spogliati, sfruttati, monopolizzati, vittime di estorsioni, spremuti, ingannati, derubati, oppressi, multati, vilipesi, molestati, perseguiti, vessati, bastonati, disarmati, legati, soffocati, imprigionati, processati, condannati, fucilati, deportati, sacrificati, venduti, traditi...è così strano pensare che un'organizzazione simile, quel giorno di sette anni fa, abbia complottato alle nostre spalle muovendo aerei e vite umane come pedine di una grande scacchiera? Ai posteri l'ardua sentenza...
EDIFICIO N°7
L’11 settembre 2001 nel complesso del WTC in tutto collassarono su se stessi tre edifici: le due torri gemelle più l’edificio numero sette. “Tirato giù” (come dicono le registrazioni dei pompieri con tanto di esplosioni in diretta) un paio di ore dopo il crollo delle torri gemelle. Nessun morto. C'è stato tutto il tempo di evacuarlo. Danni iniziali: soltanto un leggero incendio ai piani alti. La CNN addirittura annunciava il suo crollo un'ora prima del crollo effettivo.
Il punto è che per tirare giù un palazzo del genere servono settimane di preparazione. Non è esattamente una di quelle cose che si fanno in poche ore. A riguardo le testimonianze di esperti di demolizioni controllate sono senza possibilità di replica "è semplicemente evidente che è una demolizione controllata".
Sotto i link per vedere andar giù 40 piani nella bellezza di 6 secondi (tempi raggiungibili solo tramite demolizioni controllate). Inoltre si possono osservare altri esempi di grattacieli in acciaio con incendi in corso: ovviamente non cadono; una volta bruciato tutti il bruciabile, rimangono in piedi con soltanto lo scheletro in acciaio. Se si esclude la verità dei fatti, o meglio la demolizione controllata, l’11 settembre 2001 abbiamo assistito per la prima volta nella storia a un crollo di edificio in acciaio causa incendio. O meglio… non un crollo, ma bensì tre crolli nell’arco di poche ore.
Andiamo poi nel ridicolo, quando veniamo a sapere che la versione ufficiale della commissione d'inchiesta di questo edificio nemmeno ne parla.
Molti altri sono i non-sensi dell’11 settembre. Esaminiamone alcuni:

- Procedura da seguire in caso di dirottamenti - Rumsfeld tre mesi prima dell'11 settembre firmò un documento riguardante la procedura da seguire in caso di dirottamento di aerei. Secondo tale documento, in caso di dirottamento, prima che i caccia possano avvicinarsi al presunto aereo dirottato è necessario un diretto ordine del ministro della difesa o meglio di Rumsfeld stesso (precedentemente l'azione era automatica).
Classico esempio di quanto sia stato relativamente semplice pilotare tutta la faccenda facendo sapere pochissimo a pochissimi. Un semplice foglio firmato tre mesi prima… ed ecco che gli aerei avrebbero avuto la strada spianata.

- Pentagono - Il ministro dei trasporti Mineta smentisce clamorosamente la tesi della Casa Bianca sul volo diretto al Pentagono e rivela l'esistenza di ordini segreti relativi a quel volo, mai chiariti da nessuno.

- Pentagono - Generale in pensione, Albert Stubblebine di mestiere esaminava i reperti fotografici della CIA per cercare di identificare i diversi armamenti usati dai russi durante la guerra fredda. Il Generale afferma "l'aereo nel buco del pentagono NON-CI-STA!"

- Bin Laden non è ricercato dall’FBI - Stupefacente a credersi, Osama Bin Laden non è ricercato dall' FBI per i fatti dell'11 settembre.

- Gli Ingegneri delle torri - Nessun processo è stato iniziato nei confronti dei progettisti e costruttori delle torri gemelle.
E' fatto noto che la struttura portante delle torri gemelle era stata verificata per resistere a un impatto come quello dell'11 settembre. Un boing che entra totalmente dentro e ovviamente esplode. L'unica differenza sta nel fatto che il boing della verifica strutturale era un modello più vecchio (ma di dimensioni estremamente simili). Tutto ciò per diretta dichiarazione dello studio tecnico che ha progettato le torri.
Qualcosa non quadra: se dopo un terremoto di un dato grado sismico un palazzo verificato a resistere a un terremoto di quel grado frana, è ovvio che il giorno dopo Ingegneri e costruttori vanno sotto accusa.
Leslie Robertson (responsabile della progettazione strutturale delle torri), un po’ imbarazzato afferma "Le circostanze dell'11 settembre erano al di fuori di quello che avevamo previsto nel progetto". Come! Quello stesso studio ha affermato senza peli sulla lingua che le torri erano verificate per resistere a un impatto simile!
Ecco che certe dichiarazioni contraddittorie nascondono un doppio significato profondissimo: “le torri erano verificate per resistere a un impatto simile a quello dell’11 settembre” ok, allora cari Architetti dovreste essere tutti sotto processo! Però… “però le circostanze dell’11 settembre erano al di fuori di quello che era previsto nel progetto” o meglio? Per chi non l’avesse capito L.Robertson è impossibilitato ad essere realmente franco. Se avesse potuto probabilmente si sarebbe tolto un gran peso dalla schiena dicendo "non si può progettare un palazzo che resista a una demolizione controllata! Lo volete capire o no?!".
I progettisti e costruttori del WTC dormono sogni tranquilli. Sanno che nessuno li denuncerà, altrimenti sarebbero costretti a far saltar fuori la verità scientifica: strutturalmente le torri gemelle non potevano franare per il solo impatto ed esplosione dei boing, pertanto qualcos'altro ha causato la loro distruzione.

Inutile aggiungere ulteriori commenti e citando il film V for Vendetta "dopo un po' alle coincidenze non si può più credere".

Alcuni video della verita:
http://www.youtube.com/watch?v=GEPjOi2dQSM
http://www.youtube.com/watch?v=OTDVo62SZ54
http://www.youtube.com/watch?v=U7ed9hR5yyw
http://www.youtube.com/watch?v=-YhIBwtvtIA
http://www.youtube.com/watch?v=M3q0uZAEd5w
http://www.youtube.com/watch?v=ccNrKZljlHc

Buona visione!
Tratto da: Libertari.org ( http://www.movimentolibertario.it/home.php)

7 commenti:

libertyfighter ha detto...

Sarà. Che non tutto sia chiaro e che lo zampino dello Stato USA possa esserci dietro 11/9/01, sono disposto a crederlo. Sulle dinamiche sono molto scettico. In primo luogo i video riportati da renato Nannini illustrano alcuni aspetti, che peraltro sono confutati da altri video di youtube chiamati 11/9 debunking. Sarebbe stato opportuno postare anche quelli. Veniamo al dunque. L'edifico 7 sembra effettivamente abbattuto tramite demolizione controllata. Cosa che peraltro è normale perché il giorno stesso se ne parlò e si disse che sarebbe stato tirato giù perché giudicato pericolante. Dunque qui i dubbi sono sulla rapidità della demolizione. Cosa che però mi sembra molto aleatoria. In fin dei conti se tutto intorno è deserto, non devi fare molti calcoli per tirare giù un edificio.
Sulle torri, il discorso è molto diverso. Qualunque filmato mostra la loro caduta. Nota come l'edificio 7 viene giù intero, in quanto minato alla base. Le torri hanno tutta un'altra dinamica. La parte superiore la zona di impatto rimane integra, come l'edificio 7. Il resto si disintegra sotto il peso della parte superiore, piano per piano. Puoi vederlo dall'onda di compressione che si sposta verso il basso. Per simulare tramite la demolizione controllata una cosa simile, sarebbe necessario minare TUTTI i piani e fare esplodere in sequenza ogni piano. Il che mi pare oggettivamente troppo. L'alternativa sarebbe che la demolizione è stata fatta solo nella zona dell'impatto e poi il peso del restante grattacielo ha fatto il resto. Ma se lo scopo era tirare giù le due torri, dovevi essere estremamente certo che il tutto fosse sufficiente.E se poi avevi sbagliato i calcoli e non veniva giù nulla? Sul progetto resistente ai boeing, credo sia un falso storico. Io ricordo che quel giorno si parlò tanto del fatto che il WTC era progettato per resistere ad un impatto aereo, ma non di aerei grandi quanto un boeing. Senza contare lo scenario politico. Bush o chi per lui ha trovato un mitomane che si è offerto di autoaccusarsi dell'attentato. Saddam Hussein è morto per proteggere un innocente e fare un favore agli americani?
Le bombe di Madrid e di Londra? Sempre i rispettivi governi, gli Americani, o questa volta Al quaida?

Domenico Letizia ha detto...

beh......... ti sei risposto da solo, hai stesso tu avanzato dei dubbi che non trovano riscontro nelle dichiarazioni ufficili per non parlare poi di quello che è successo al pentagono,niente aereo, bubo piccolo..mah solo questo.
da libertario una cosa che ho imparato presto è che mai fidarsi dello stato.
ci fanno fare guerre, ci tassano, ci mentono sull'uranio, ci mentono sulle mine ci mentono sulle loro dittature, ci mentono quando si vota, perchè dovrei non credere che sono partecipi a questa strage...
per saddam ricordiamo che l'hanno ucciso, che con le torri gemelle non c'entrava niente, che è stata fatta guerra per armi di distruzione mai trovate, e che lì c'è tanto petrolio.
insomma il genocida saddam è stato una vittima.
altrimneti non si spiegherebbe la sua eliminazione tanto velocemente.
ehi, sono lieto delle tue visite, passa spesso, ci conto.
ciao
domenico

libertyfighter ha detto...

Sarà, ma se io ero Saddam Hussein e non avevo alcun rapporto con Bin Laden, avrei lasciato venire gli ispettori USA fin dentro il mio buco del culo. E gli offrivo pure aiuto a cercarlo. Perché mi dovevo fare ammazzare? Idem per i Talebani. Perché il tipo rifiuta di consegnare Bin Laden? Lui lo consegna, si dice indignato e il "piano segreto usa" per attaccare Afghanistan e Irak finisce nel water.

Passerò spesso tranquillo.

Davide ha detto...

l'11 settembre... me lo ricordo come fosse ieri...stavo a guardare i cartoni e ad un tratto tutte le televisioni riprendevano la stessa cosa...una torre in fiamme...mi fanno venire i brividi a pensare quante persone hanno perso la vita per non pensare alla rabbia che mi viene guardando quei video che mi fanno pensare che dietro tutto cio c'è anche lo stesso governo USA....INGANNO GLOBALE? è proprio vero che quando vuoi nascondere una cosa mettila in bella vista!...per il resto sono ancora senza parole quando mi vengono in mente quei momenti...

Domenico Letizia ha detto...

brutta storia davide.....vero..

Anonimo ha detto...

Mi stanno sulle palle Caruso e sui seguaci militanti di antifa e questo non perchè simpatizzi per centro o destra italiana.

Godo da morire a vedere quanta merda sparate senza sapere di cosa parlate.
Mostra quanto siete imbecilli a tutto tondo.

Domenico Letizia ha detto...

beh non vedo cosa c'entri io con cararuso sono antifascista e anticomunista.
forse subito hai sparato sentenza senza leggere l'articolo....
ciao

"Il mio identikit politico è quello di un libertario, tollerante. Se poi anarchico l'hanno fatto diventare un termine orrendo... In realta' vuol dire solo che uno pensa di essere abbastanza civile da riuscire a governarsi per conto proprio, attribuendo agli altri, con fiducia, le stesse capacità" ( Fabrizio De André )