SITO ANARCOLIBERALE A CURA DI DOMENICO LETIZIA. Laboratorio per un Neo-Anarchismo Analitico che sia Liberoscambista, Volontarista, Possibilista e Panarchico con lo sguardo verso i valori del Liberalismo Classico, del Neo-mutualismo e dell'Agorismo. Un laboratorio che sperimenti forme di gestione solidali, di mercato dencentralizzato e di autogestione attraverso l'arma della non-violenza e lo sciopero fiscale, insomma: Disobbedienza Civile

banner campagna un futuro senza atomiche

The Neolibertarian Network Diventa anche tu Ambasciatore Telethon Italian Blogs for Darfur AIT - Associazione italiana transumanisti
AnarchicA
No TAV

domenica 12 aprile 2009

Internet, semplicemente vittoria


Secondo una ricerca sul comportamento online degli utenti europei e sulle tendenze per il futuro pubblicata da Microsoft (non di certo gli ultimi quanto a Web e Computer…) giugno 2010 è la data fissata per il fatidico e inevitabile sorpasso di Internet ai danni della televisione. Quelli di Redmond sono talmente certi della cosa da lanciare la notizia con tutti i crismi dell’ufficialità: per la prima volta, insomma, il Web sottrarrà al tubo catodico tradizionale il primato di mezzo di comunicazione più utilizzato. Secondo l’indagine, nel 2010 l’utilizzo di Internet raggiungerà una media di 14,2 ore alla settimana (più di 2,5 giorni al mese), rispetto alle 11,5 ore alla settimana (2 giorni al mese) della tv.
Non stiamo parlando del declino della televisione, bensì di un mutamento, drastico, nel modo di fruire dei contenuti televisivi. Anche perché sarà la televisione stessa a diventare uno strumento simbiotico con il Web, forse propedeutico, grazie a tecnologie sempre più avanzate che permetteranno una interattività completa. Senza contare che la tv è anche oggi fruibile attraverso altri media come personal computer e cellulari.
E’ un processo, questo, che è cominciato concretamente nel 2001, sebbene fosse un sommovimento organico e inevitabile in ogni caso, quando due aerei si schiantarono contro le Torri Gemelle a Manhattan graffiando la potenza del “mostro imperialista”: allora il potere di Internet fu per la prima volta nell’era moderna estremamente evidente agli occhi di tutti e sotto gli occhi di tutti.
Per quel fatidico mese di settembre i quotidiani online, che giusto in quegli anni cominciavano la loro scalata, furono presi d’assalto registrando punte record mai raggiunte prima: la gente stava capendo, in un momento emotivamente tragico, che esisteva vita oltre il tubo catodico. Le varie testate online si inventarono modi nuovi di raggiungere il pubblico e i video e le statistiche messe in rete dai navigatori aiutarono in maniera decisivo allo svisceramento dell’argomento “11 settembre”. Le Torri Gemelle hanno fatto a Internet, quello che l’assassinio di Kennedy fece alla televisione. Se sarà storia o meno, lo vedremo tra qualche anno.

da: http://www.movimentolibertario.it/home.php

1 commento:

di-sperso ha detto...

lo stiamo vivendo, noi questo passaggio. Mio padre vide il primo uomo andare sulla luna (?), io tra poco ci andrò con il pc.

Buona pasqua

"Il mio identikit politico è quello di un libertario, tollerante. Se poi anarchico l'hanno fatto diventare un termine orrendo... In realta' vuol dire solo che uno pensa di essere abbastanza civile da riuscire a governarsi per conto proprio, attribuendo agli altri, con fiducia, le stesse capacità" ( Fabrizio De André )