SITO ANARCOLIBERALE A CURA DI DOMENICO LETIZIA. Laboratorio per un Neo-Anarchismo Analitico che sia Liberoscambista, Volontarista, Possibilista e Panarchico con lo sguardo verso i valori del Liberalismo Classico, del Neo-mutualismo e dell'Agorismo. Un laboratorio che sperimenti forme di gestione solidali, di mercato dencentralizzato e di autogestione attraverso l'arma della non-violenza e lo sciopero fiscale, insomma: Disobbedienza Civile

banner campagna un futuro senza atomiche

The Neolibertarian Network Diventa anche tu Ambasciatore Telethon Italian Blogs for Darfur AIT - Associazione italiana transumanisti
AnarchicA
No TAV

martedì 12 agosto 2008

Commentate voi....


(ANSA) - BUENOS AIRES, 29 LUG - L’Agenzia per le entrate fiscali argentina (Afip) ha lanciato un videogioco interattivo per educare i giovani a pagare le tasse. Denominato Perfil de Riesgo (Profilo di rischio), il videogioco affida ad una giovane ed avvenente Martina dai capelli rossi la missione di abbattere i pregiudizi esistenti fra il cittadino e il pagamento delle tasse. Destinato ai ragazzi tra i dieci e i 16 anni, il videogioco e’ gratuito ed e’ scaricabile da internet a partire da settembre.

2 commenti:

Ballacoilupi ha detto...

....insomma....iniziano a lobotomizzarti in tenera età!!!!!
....se lo stato fosse uno stato GIUSTO le tasse le pagherebbero tutti.....

Domenico Letizia ha detto...

non sono d'accrodo se fosse giusto lo stato non dovrebbe esistere, perchè frutto di una speculazione di una grande monopolio, se lo stato non esistesee si che fosse giusto, come giusta è la libera concorrenza in un libero mercaro, dove è il mercato a far abbassare o alzare i prezzi, e dove è l'individuo a scegliere di quale prodotto servirsi, pagando quello che gli serve, non tasse e tasse per un sistema pubblico che tanto lo stesso non funziona... e su questo almeno siamo d'accoodo tutti...

"Il mio identikit politico è quello di un libertario, tollerante. Se poi anarchico l'hanno fatto diventare un termine orrendo... In realta' vuol dire solo che uno pensa di essere abbastanza civile da riuscire a governarsi per conto proprio, attribuendo agli altri, con fiducia, le stesse capacità" ( Fabrizio De André )